25 Giugno 2022

Cpi depone fiori a tomba figlia Dostoevskij a Bolzano contro la cancel culture

Censura su Dostoevskij, CasaPound depone fiori sulla tomba della figlia “un omaggio simbolico contro i deliri della cancel culture”

Bolzano, 6 marzo – Un mazzo di fiori deposto sulla tomba di Ljubov’ Dostoevskaja, figlia dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij: è l’omaggio simbolico fatto da CasaPound per protestare contro i recenti episodi di cancel culture legati alla questione Russia-Ucraina.

“Al netto delle posizioni che si possono prendere in merito all’attuale scenario in Ucraina, troviamo ridicolo e pericoloso applicare una censura sistematica contro ciò che proviene dalla Russia – si legge in un comunicato del movimento – Il tentativo di censurare un autore come Dostoevskij, che anche per una semplice questione temporale con la politica dell’attuale governo russo non c’entra nulla, è l’emblema di una situazione che rasenta il delirio. Non è possibile pensare di colpire la Russia creando liste di proscrizione contro artisti, autori, atleti o lavoratori russi passati e contemporanei: è un atteggiamento miope e ridicolo, eticamente inaccettabile. La scelta di portare fiori proprio sulla tomba di Ljubov’ non è causale: fu il Fascismo a volerne omaggiare la figura, realizzando il monumento commemorativo che ora si trova nel cimitero di Bolzano. Lo fece nonostante le enormi differenze ideologiche con la Russia stalinista del 1931. Questo spirito noi vogliamo oggi far riaffiorare, contro quella “cultura democratica” che si erge a detentrice di morale ma è pronta ad applicare la peggiore e più infame censura contro chi identifica come nemico”.

www.casapounditalia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.