8 Dicembre 2021

Voto abolizione Regione Trentino AltoAdige, a rischio autonomia regionale

E’ una presa di posizione sferzante quella del segretario della Svp Stefan Premstaller contro le forze politiche che la settimana scorsa hanno votato il parere positivo al ddl parlamentare della Svp che prevedeva il riordino di tutte le competenze dell’autonomia sottraendo di fatto molte residuali funzioni alla Regione per assegnarle alle Province.

Solo una questione di migliore organizzazione? No, Premstaller lo ha chiarito in una sua nota, era il voto decisivo per assestare il colpo mortale alla Regione: “così la abolivamo di fatto”.

E gli alleati regionali della Svp di Lega e Forza Italia, nonostante il monito di Fratelli d’Italia a difesa dell’assetto tripolare dell’Autonomia, hanno votato a favore.

Premstaller infatti se la prende con chi ha votato contro, Fratelli d’Italia in primis ma anche i pochi che in Consiglio regionale avevano compreso la portata dell’atto.

Ora la Lega in Regione, insieme a Forza Italia, chiariscano la loro posizione sulla Regione perché se continuerà ad essere picconata il rischio è di un indebolimento dell’autonomia del Trentino con una separazione dei percorsi fra Trento e Bolzano che alla fine rischieranno di mettere in difficoltà l’autonomia trentina nei riguardi delle confinanti regioni a statuto ordinario.

Ma nemmeno poche ore dopo il voto in Consiglio che ha contribuito a fiaccare la Regione c’è stato quello in I Commissione legislativa con cui si è approvata una norma della maggioranza sulle cooperative che differenzia il trattamento fra Trento e Bolzano creando condizioni diverse, e quindi ancora una volta espropriando di una competenza propria la Regione.

Fratelli d’Italia riconosce l’Autonomia e la sostiene in quanto espressione della Costituzione che tutela le minoranze linguistiche. Ma ritiene che proprio l’allontanare il Trentino dall’Alto Adige contribuirà ad indebolire la giustificazione dell’autonomia per il Trentino.

Alessandro Urzì

Capogruppo regionale di Fratelli d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *