21 Ottobre 2021

In Calabria non solo allarme incendi, Reggio in rivolta per l’emergenza idrica

Questa mattina alle prime luci dell’alba, i residenti di Condera ed il comitato cittadino Reggio Respira sono scesi in strada per manifestare il dissenso per quanto riguarda la scadente gestione da parte della giunta comunale, in merito alla questione idrica che da settimane sta mettendo in ginocchio la Città Metropolitana ed i suoi dintorni. La provincia di Reggio Calabria, che in queste ore si trova già ad affrontare un disastro ambientale di enorme entità come quello dell’incendio che sta divorando il Parco Nazionale dell’Aspromonte, si trova anche ad affrontare l’emergenza idrica .

“Da fine giugno l’acqua ha iniziato a scarseggiare e da due settimane la giunta ne ha cessato completamente l’erogazione, creando molti disagi alle famiglie, alle attività ed alle strutture alberghiere, peraltro già pesantemente affossate portando i turisti a disdire le loro prenotazioni” conclude il comunicato.

Sono momenti concitati quelli che si stanno vivendo a Condera in queste ore , dove i manifestanti nonostante il rischio di multe fino ad € 4000,00 annunciano che il blocco stradale durerà ad oltranza , fino a quando l’assessore e la giunta non arriveranno sul posto con la soluzione al problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *