1 Agosto 2021

Autostrade, Cpi protesta davanti ad Atlantia contro i 20miliardi a Benetton

Atlantia, CasaPound, “una vergogna l’accordo: quei soldi sono sporchi di sangue”

Milano – “AUTOSTRADE: REVOCA UNICA SOLUZIONE”, questo lo striscione esposto davanti alla sede di Atlantia dai militanti di CasaPound Italia che hanno organizzato una manifestazione in piazza Diaz per protestare contro la trattativa, costata allo Stato più di 20 miliardi, per l’acquisizione di Autostrade per l’Italia.
“Nonostante i proclami dell’ex presidente del Consiglio Conte – si legge in una nota – e degli esponenti dei 5 stelle, i Benetton portano a casa più di 20 miliardi di euro: è questa la giustizia promessa ai famigliari delle vittime del Ponte Morandi?”

“Ci troviamo con una società che ha investito poco, pochissimo nella manutenzione delle autostrade, con le conseguenze tragiche che abbiamo tutti dovuto subire, e la soluzione qual’è? Regalare una cifra immensa al CDA di Atlantia. Una vergogna che non può passare sotto silenzio. La nazione deve sapere con chi ha a che fare: dei pagliacci senza spina dorsale”.

“L’unica soluzione – conclude la nota – è procedere alla revoca della concessione per inadempienza: Atlantia non ha rispettato gli obblighi sanciti dalla convenzione con Anas. È ora di riprendere in mano le redini di questa nazione e smetterla di farci truffare e ricattare da arrivisti e finanzieri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *