20 Giugno 2021

Il Libano celebra la resistenza palestinese nelle parole del capo di Hezbollah

Alcuni punti importanti del discorso di Sayed Hasan Nasrallah, segretario del partito sciita Hezbollah, in occasione dell’anniversario della liberazione del Sud del Libano:

Stavo seguendo da vicino ogni dettaglio con i nostri fratelli a Gaza, nonostante non parlassi pubblicamente degli eventi. La vittoria di Gaza ha moltiplicato la nostra gioia per questo “eid” e ci ha regalato un nuovo eid durante questo mese. Mi congratulo e mando le mie condoglianze per i martiri e prego per una pronta guarigione per i feriti. Questa vittoria [liberazione del Sud del Libano] è stata una delle benedizioni di Dio e il risultato dei grandi sacrifici fatti dal popolo e dalla Resistenza. Non posso non menzionare anche i nostri leader martiri che hanno aperto la strada a questa liberazione: Sayyed Abbass al-Mousawi e sua moglie e il loro figlio, Sheikh Ragheb Harb, Haj Imad Moghnieh, Haj Mustafa Badreddine … Devo anche menzionare l’onorevole posizione ufficiale libanese dell’allora presidente, Emile Lahoud, primo ministro, Salim Hoss, e del capo del parlamento, Nabih Berri. Il 25 maggio 2000, ho parlato a nome della Resistenza di Bent Jbeil, e quel giorno abbiamo donato questa vittoria alla Palestina, a tutta la Palestina, perché è l’obiettivo finale a cui aspririamo.

[Su eventi recenti:] l’aggressione dei sionisti a Sheikh Jarrah mira a rimuovere qualsiasi presenza palestinese da Gerusalemme. Impedivano ai fedeli di raggiungere al-Aqsa e attaccavano coloro che arrivavano lì. Questo è ciò che ha portato la Resistenza Palestinese a prendere posizione. Dobbiamo tenere presente che non stiamo affrontando un nemico sano di mente. Questo nemico non è solo arrogante, ma anche un fallimento. Questo mi fa venire in mente le parole dell’Imam Khomeini: “Grazie a Dio per aver reso stolto il nostro nemico”. La loro arroganza è ciò che li induce a interpretare male e calcolare male ogni evento e a non prendere le misure necessarie. Il nemico non si aspettava che la Resistenza di Gaza si intromettesse e fosse coinvolto in ciò che stava accadendo a Gerusalemme, ma questa volta, Gaza è stata difensore di Gerusalemme e hanno adempiuto alla loro responsabilità al meglio.

Ho un messaggio importante per i sionisti: chiunque sia a capo del vostro esercito, dovete rivalutare le vostre interpretazioni e letture [degli eventi]. Ciò che i sionisti devono capire è che la battaglia della Spada di Gerusalemme non sarà limitata ai confini di Gaza. Attaccare Gerusalemme porterà a una guerra regionale. L’Asse della Resistenza non può e non resterà fermo alla vista di minacce ai nostri luoghi sacri. Qualsiasi seria minaccia porterà a una guerra contro l’entità sionista che porterà alla sua scomparsa e la rimuoverà dall’esistenza. La vittoria in Palestina ha portato con sé molte vittorie: il popolo palestinese è stato unito sotto un’unica identità, è stata ripristinata la fede nella Resistenza, sono state smascherate le false affermazioni dei normalizzatori, è stata ripresa la causa palestinese …

Il volto reale, spietato e assassino di bambini di Israele è stato nuovamente esposto al mondo. Potrebbero avere il controllo su diversi media, ma era chiaro che non possono controllare le piattaforme di social media in tutto il mondo.

La battaglia della Spada di Gerusalemme ha anche reindirizzato la bussola di tutte le persone libere del mondo verso la Palestina. La Resistenza Palestinese ha mostrato una grande forza durante questa battaglia. Avevano la capacità di lanciare missili ininterrottamente nell’arco di 11 giorni nonostante gli attacchi delle forze aeree sioniste, i droni spia e gli attacchi di terra dal confine con Gaza. Anche il loro specificare l’ora dell’attacco ha avuto il suo impatto psicologico. Hanno sparato missili di diversa portata e in gran numero e il nemico non poteva nascondere le sue vittime. Il popolo dell’Asse della Resistenza dovrebbe saperlo bene: l’entità sionista non può esistere senza uno stato di sicurezza e tranquillità. I coloni sono pronti a lasciare l’entità dietro qualsiasi minaccia alla loro sicurezza, mentre i palestinesi si rifiutano di cedere la loro terra.

La falsa immagine dell’entità sionista sicura e protetta è stata esposta al mondo come risultato di questa battaglia. Mostratemi una qualsiasi dichiarazione fatta da un funzionario sionista sui benefici che l’entità ha ottenuto come risultato di questa battaglia; non ce ne sono. Nonostante i sionisti abbiano la forza aerea più forte della regione, ogni volta che la Resistenza ha annunciato e sparato i loro missili e l’aviazione sionista si è messa al lavoro, non sono ancora riusciti a ostacolare i missili palestinesi come previsto. Alcuni funzionari sionisti hanno affermato che l’efficienza dell’Iron Dome ha raggiunto il 90%, ma confrontando il numero di edifici danneggiati nell’entità con il numero annunciato dai sionisti di missili sparati da Gaza, capiremo che questa percentuale è imprecisa. Se questa percentuale fosse accurata, avremmo visto Netanyahu vantarsi e promuoverlo al mondo. Ciò dimostra anche che questo numero non è altro che una menzogna fuorviante. L’esercito sionista non è riuscito a distruggere le riserve di missili palestinesi. Kochavi parla molto delle manovre e dell’importanza delle invasioni terrestri, ma il suo esercito non è riuscito a contrastare i missili di fabbricazione palestinese.

Tornando al Libano, voglio rassicurare tutti che la resistenza libanese è più forte che mai. 21 anni dopo la liberazione, le nostre capacità sono aumentate in qualità e in quantità. Non dobbiamo dimenticare i nostri martiri in questa occasione, il martire Ali Mohsen, e il martire Mohammad Tahan che rappresenta la giovane generazione che è desiderosa di entrare in Gerusalemme e combattere. Mando condoglianze e congratulazioni alla sua onorevole famiglia. Nessuno dovrebbe aspettare intrusi esterni per salvare il Libano. La responsabilità ricade sul presidente e sul PM designato.

[Rivolgendosi al leader della Resistenza yemenita]: siete assediati, avete voi stessi del pane da dare ai palestinesi? Quando ci sono altri arabi che hanno risorse infinite, siete stati quelli che hanno offerto aiuto. La posizione yemenita è davvero onorevole.

Sayed Hasan Nasrallah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *