11 Aprile 2021

In Alto Adige il lockdown più lungo d’Italia con risultati disastrosi – lo sfogo di Puglisi Ghizzi

La pandemia in Alto Adige sembra non finire mai e, in questo ennesimo lunghissimo lockdown, tra le voci di protesta di commercianti e genitori contro governo e giunta provinciale, si leva ancora una volta quella dell’ex consigliere comunale Maurizio Puglisi Ghizzi.

Riportiamo integralmente di seguito lo sfogo di Puglisi Ghizzi sul suo profilo Facebook:

“Ieri mi hanno fatto l’appunto di parlare della politica altoatesina senza sapere tutte le cose che la giunta provinciale o alcuni suoi membri fanno. Da cittadino con una discreta dose di pragmatismo rispondo che do giudizi e faccio affermazioni basandomi sui fatti, sui risultati e su ciò che vedo e vivo ogni giorno e non sulle azioni in segrete stanze di democristiana memoria. E’ passato un anno dall’inizio di questa pandemia ed il risultato di chi ci ha amministrato (SVP LEGA) è di avere portato oggi l’Alto Adige ad essere tra le zone peggiori dal punto di vista sanitario e tra quelle che hanno e pagano il prezzo economico e sociale più alto in Italia. Periodo novembre 20 / febbraio 21 Alto Adige vanta 85 giorni di chiusura attività contro i 40 della regione con più chiusure dopo di noi. Sono 6 settimane , le ultime, che gli esercizi pubblici sono chiusi con i ristoratori in ginocchio; ristori negatici dallo Stato vista la “via altoatesina” che ci ha fatto chiudere quando potevamo stare aperti e viceversa, un bilancio provinciale impugnato dalla Corte Costituzionale per evidente mancanza di coperture; e poi la lunga lista di cazzate dagli scaldacollo, alle mascherine cinesi, ai superesperti austriaci strapagati per segnare la più fallimentare via altoatesina della storia, tamponi a random ( sarebbe più opportuno dire a cazzo di cane) che a nulla hanno portato; chiusure a singhiozzo; gestione della scuola ingiustificabile con ciliegina dei tamponi fai da te, gestione delle case di riposo e delle strutture di lungodegenza che rasentano il penale; mercati e relativi assembramenti aperti e piccoli negozi che manco lo spazio per più di due clienti hanno chiusi; gestione del personale sanitario solo sotto il profilo etnico per poter ostentare sempre “l’autonomia speciale”; una miriade di locali commerciali chiusi e sfitti…. e per quanto potrei continuare purtroppo. E con questi risultati ancora parlate? La colpa è ascrivibile a TUTTI i membri della giunta o per manifesta incapacità o per spocchiosa arroganza o – molto grave – per silenziosa e sottomessa complicità. Non sono io che non ho tutte le “informazioni” siete voi che non avete nemmeno la capacità obbiettiva di vedere i risultati disastrosi ottenuti dalla vostra scellerata politica.”

Maurizio Puglisi Ghizzi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *