2 Dicembre 2020

Scuola: CasaPound occupa la Socciarelli per denunciarne il degrado a Ancona

Ancona, CasaPound occupa simbolicamente l’ex scuola ‘Socciarelli’ per denunciarne lo stato di abbandono e di degrado

Ancona, 14 settembre – Nella mattinata di ieri, i militanti di CasaPound Ancona hanno occupato simbolicamente l’ex scuola elementare ‘Socciarelli’ di Ghetterello, per denunciarne lo stato di abbandono e di degrado.

“Sembrerebbe quasi impossibile – dichiara Emanuele Mazzieri, responsabile provinciale di CasaPound – che una scuola, come il vecchio ‘Socciarelli’ di Ghetterello, abbia subito un destino simile. Un tempo fiore all’occhiello della frazione di Ghetterello, la scuola è stata dismessa nel lontano 2007. Da allora l’edificio è rimasto inutilizzato ed è stato lasciato a sé stesso. Una situazione che è al tempo stesso uno spreco incredibile ed una fonte di disagio per i cittadini”.

“Paradossalmente – continua Mazzieri – le polemiche nazionali sulla riapertura delle scuole, sulle varie difficoltà dovute all’emergenza sanitaria e sulla gestione da parte del governo di tali problematiche, gestione peraltro del tutto insufficiente, potrebbero gettare nuova luce sull’ex ‘Socciarelli’. Infatti, l’ex ‘Socciarelli’ rappresentava quel modello di scuola a misura di bambino che è tornato centrale nel dibattito pubblico. Non una scuola grande pollaio in cui lo studente è solo un numero, ma una scuola che offriva una struttura adeguata alle esigenze dei bambini, con servizi fondamentali per le famiglie delle frazioni vicine, come il tempo pieno, la mensa interna, ed ampi spazi all’esterno”.

“L’amministrazione comunale – conclude Mazzieri – dovrebbe tornare a interessarsi in prima persona dell’ex ‘Socciarelli’, senza cercare di lavarsene le mani. L’abbandono in cui versa l’edificio e il disinteresse da parte del Comune sono testimoniati anche dalle aste andate deserte in questi ultimi anni. Al contrario, per noi lo stabile andrebbe riqualificato così da tornare ad essere un bene per tutta la cittadinanza e ridare centralità politica alle frazioni come quella di Ghetterello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *