Mar. Ago 11th, 2020

Da Bolzano a Chieti per aiutare i canili con la Foresta che Avanza

Bolzano 6-7 luglio – il gruppo ecologista la Foresta che Avanza ha raggiunto la regione Abruzzo per consegnare cibo e materiale utile al canile rifugio di Chieti. Arrivati nella cittadina abruzzese i volontari hanno contattato la responsabile del canile da cui si sono recati. “Lì, subito – raccontano gli attivisti di FCA – si stava verificando un caso di una persona che lasciava due cani legati con una corda ad una rete, senza farsi problemi, non mostrando alcun rispetto per i cani e per gli operatori di canile, e non per ultimo, per le norme di normale cessione, previo accordi con la struttura”.

Subito dopo interveniva anche la polizia locale. Da parte di uno dei volontari c’era l’intenzione di adottare una cagnolina di 15 anni con trascorsi non piacevoli, ma era già stata adottata pochi giorni prima. Dalle informazioni raccolte, purtroppo in quelle zone il fenomeno del randagismo è abbastanza presente.

Nella giornata del 12 Luglio invece è stata raggiunta una staffetta che portava cani in adozione nel nord Italia e proveniente dalla Calabria, alla quale sono stati consegnati materiali utili come lenzuola, ascigamani e cibo. “In altre consegne da noi fatte – spiegano i volontari altoatesini – alcune volte il cibo è stato distribuito nella fase di ritorno della staffetta ad altri rifugi del sud. Ad oggi i nostri aiuti per la maggior parte delle volte, sono stati mandati ai canili della Calabria dove il fenomeno è sempre più preoccupante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *