3 Dicembre 2020

Carenza posti negli asili nido di Laives, FdI richiama la Provincia di Bolzano

“Carenza di posti negli asili nido a Laives, la soluzione che la Provincia è chiamata ad individuare è la sezione primavera della scuola dell’infanzia”, lo affermano con convinzione il consigliere provinciale di Alto Adige nel Cuore- Fratelli d’Italia Alessandro Urzì e Rosanna Oliveri, referente scuola dell’Alto Adige nel Cuore.

“Per questo abbiamo preparato un’interrogazione e una mozione rivolta alla giunta provinciale per sollecitare questa soluzione”, annuncia Urzì.

Dal prossimo anno scolastico infatti in tutta la provincia, a differenza di quanto avveniva negli scorsi anni, potranno essere iscritti alla scuola dell’infanzia soltanto i bambini che compiranno i tre anni entro il mese di dicembre del rispettivo anno scolastico, i più piccoli possono invece trovare posto negli asili nido. A Laives però molte famiglie sono sul piede di guerra perché i posti negli asili nido non sono sufficienti per tutti i bambini.

“Negli anni scorsi in alcune località della nostra provincia sono state istituite delle “Sezioni primavera” – spiega Oliveri che ha suggerito a Urzì l’azione istituzionale -, uno speciale percorso educativo dedicato ai bambini tra i 24 e i 36 mesi che si configurava come mezzo di collegamento tra il nido e la scuola dell’infanzia. A Laives il problema è che i posti a disposizione delle famiglie nell’asilo nido quest’anno non bastano a coprire tutte le richieste e di conseguenza le famiglie che non potranno iscrivere i loro figli avranno notevoli ripercussioni sia sul piano lavorativo sia su quello economico dal momento che non potranno conciliare famiglia e lavoro. L’unica soluzione è quindi concedere a Laives una deroga per poter attivare anche quest’anno una sezione primavera per i bambini tra i due e i tre anni. È fondamentale dare alle famiglie gli strumenti per la conciliazione lavoro e famiglia”.

La segreteria del Consigliere provinciale de L’Alto Adige nel cuore Fratelli d’Italia

Alessandro Urzì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *