30 Giugno 2022

Gestione mausoleo Battisti ai profughi, opposizione di CasaPound Trento

Trento, 16 gennaio  – Alcuni militanti di CasaPound lunedì hanno partecipato ordinatamente al consiglio della circoscrizione Centro storico – Piedicastello di Trento dove, dalle file della sinistra, è emersa l’idea di affidare la gestione e la manutenzione del Mausoleo di Cesare Battisti, ai richiedenti asilo.

“I nostri appunti all’assessore – comunica su Facebook CasaPound – sono stati diretti e hanno smascherato il Comune di Trento che, di fatto, non garantisce in alcun modo l’operosità dei ‘profughi’ ai quali sta affidando un compito tanto impegnativo, riservandosi la possibilità di far pagare alla collettività le mancanze e i danni causati”.

“La gestione di un bene prezioso e sacro come il Mausoleo – continua il movimento identitario – dovrebbe essere affidato con trasparenza a chi ne sa riconoscere il valore e non, per fini propagandisti e di accoglienza, ad individui che ancora devono essere inseriti nella società e forse mai intenderanno farlo”.

Interviene sulla questione anche il coordinatore regionale Andrea Bonazza: “apprendendo di questa ennesima sparata anti-italiana della sinistra e mi torna alla mente quando, in uno dei tanti viaggi di solidarietà di Cpi, in Kosovo visitammo la torre monumentale della Piana dei Merli e sorprendemmo i due gendarmi albanesi di guardia al sito, ad urinare sulle lapidi e i fiori per i caduti serbi. Anche se la situazione è solo lontanamente paragonabile, se il tempio di Battisti dovesse mai subire un simile affronto, oltretutto compiuto da uno straniero stipendiato dai contribuenti, credo proprio che i giornali avrebbero parecchio da scrivere riguardo le proteste poco ortodosse che potremo adottare contro i fautori di questa stupida proposta che non deve assolutamente realizzarsi” conclude il responsabile di CasaPound.

Foto: militanti di Cpi alla seduta consiliare 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.