Sab. Feb 22nd, 2020

Scontro Bonazza-Caramaschi per conferenza negazionista del Comune sulle foibe a Bolzano(VIDEO)

Conferenze revisioniste sulle FOIBE finanziate dal Comune di Bolzano per accontentare l’ANPI

Bolzano, 12 febbraio – Violenta rissa verbale ieri in aula consiliare a Bolzano tra il consigliere di CasaPound Andrea Bonazza e la giunta Caramaschi, dopo che parte della sinistra ha deriso l’ex sindaco di centrodestra, Giovanni Ivan Benussi, mentre commosso raccontava la tragedia delle foibe e dell’esodo dei suoi famigliari.

“Dopo aver assistito alle risate di sinistra e Verdi mentre il consigliere Benussi raccontava commosso della tragedia delle foibe che colpì anche la sua famiglia costretta all’esilio dall’Istria – dichiara Bonazza – non sono riuscito a trattenere la rabbia verso chi continua a predicare ‘pace e amore’ insultando la memoria di migliaia di ‘scomodi’ italiani massacrati sul confine orientale dai partigiani comunisti di Tito”.

 

“La tragedia delle foibe – continua il consigliere di Cpi – dovrebbe unire politica e società civile anziché dividere ma, ancora una volta, il Comune di Bolzano si è reso complice e finanziatore di eventi revisionisti e negazionisti guidati da ANPI e Centro per la Pace. Già a dicembre avevo lanciato un duro ammonimento alla giunta comunale sul programma 2020 del Centro per la Pace che avrebbe finanziato e portato a Bolzano Carola Rackete, tutt’ora sotto processo contro lo Stato italiano per aver speronato una motovedetta delle Forze dell’Ordine con una nave Ong, e per l’organizzazione di una conferenza dal sapore revisionista sulle foibe al Centro Trevi”.

“Una conferenza revisionista – conclude Andrea Bonazza – in cui si mettono in dubbio responsabilità e numeri delle vittime è stato il risultato di anni di lotte in commissione cultura in cui ho insistito per celebrare degnamente la Giornata del Ricordo del 10 febbraio. Così come una nostra mozione, deliberata e mai attuata, nella quale richiedevamo l’intitolazione di una via o una piazza ai martiri delle foibe. Oggi, a fine legislatura, nulla è stato fatto se non far entrare i nuovi partigiani dell’ANPI nell’organizzazione degli eventi che vedono le loro bandiere sporche di quel sangue italiano che dopo 70 anni ancora non trova pace né giustizia” conclude la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *