Lun. Nov 18th, 2019

Nuovo governo censura subito l’opposizione sovranista su fb, anche in Trentino Alto Adige

Si installa il governo PDM5S e Facebook disinstalla centinaia di pagine e profili di CasaPound.

Per l’ennesima volta la multinazionale americana di Zuckerberg ha eliminato centinaia di profili privati e pagine fb, anche a pagamento, colpendo nello specifico l’intero movimento di CasaPound, questa mattina presente in piazza a Montecitorio con Lega e FdI per chiedere elezioni immediate e il rispetto del popolo sovrano.

Oltre alla storica pagina nazionale di Cpi con tutte le sue sezioni territoriali, tra i vari responsabili, consiglieri e militanti delle Tartarughe Frecciate, a far le spese della nuova censura del pensiero unico sono stati Gianluca Iannone, Davide e Simone Di Stefano (140.000 seguaci), Andrea e Mauro Antonini e tutti i responsabili e consiglieri di CasaPound, tra cui, per l’ennesima volta, il sottoscritto unitamente agli altri esponenti regionali del Trentino Alto Adige.

Anche su Instagramm, social affiliato a Fb, sono stati censurati profili, pagine e foto, anche elettorali, in barba a ogni diritto politico e di pensiero sancito dalla Costituzione.

Eliminate anche le pagine di promozione sociale vicine a Cpi; la onlus attiva nella solidarietà internazionale impegnata da anni in Siria, Birmania, Sudafrica, Palestina, Kosovo etc, e il gruppo di Protezione Civile presente in aiuto in tutti gli scenari di calamità naturali come terremoti e alluvioni.

Una censura ad orologeria che sta già facendo discutere i social e tutto il mondo politico, da destra a sinistra, da Sgarbi che grida allo scandalo antidemocratico, a Fiano(PD) che giustifica l’azione censoria suggerendo di fare chiarezza sulle motivazioni che hanno spinto fb a questo boicottaggio di massa.

Sul fronte di CasaPound invece, già collaudato a questi infami attacchi del sistema mediatico, si stanno cercando soluzioni per intraprendere nuove battaglie legali, magari trascinando in tribunale i dipendenti italiani di Zuckerberg.

Già allenato a questi attacchi liberticidi in passato, non mi rimane che ricordarvi le altre piattaforme in cui potete seguirmi, da Twitter a Instagramm, da Telegram a Vk, fino al mio nuovo blog www.andreabonazza.info

Per anni ci hanno martellato i testicoli con le “colpe del Fascismo” in materia di censura e democrazia, ci hanno inculcato le presunte privazioni di libertà di espressione dei “regimi” russi, mediorientali, sudamericani, nord coreani etc, ma alla fine stanno facendo molto peggio loro e sapete perché?Perché mentre negli altri stati lo ammettono, qui hanno la faccia come il culo delle peggiori inculate.

Andrea Bonazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *